Category Archives: Basilicata

alberi monumentali della Basilicata, provincia di Matera

Exif_JPEG_PICTURE

quercia di Grottone

 

Circa 4 chilometri prima di Montescaglioso, venendo da Ginosa, c’è l’Agriturismo Oliveto. Quasi un chilometro più avanti, sulla destra una strada sterrata porta ad un PINO D’ALEPPO di forse 200 anni col tronco dalla circonferenza di circa 4 metri e l’altezza di 25, che si biforca a circa 4 metri da terra. Questo tipo di pino, che sopporta meglio di tutti la siccità, ha gli aghi più sottili del pino domestico, le pigne affusolate ed i rami che partono più in basso nel tronco.

Uscendo dalla superstrada Matera-Potenza in direzione di Tricarico, si vedranno molte querce. Arrivati in paese, oltrepassarlo in direzione della campagna per circa 4 chilometri. Si vedrà, accanto ad una casa sulla sinistra, una grande QUERCIA roverella di almeno 300 anni. Continuando e prendendo la direzione verso il “bed and breakfast” si troverà dapprima una casa sulla destra e, circa un chilometro più oltre, un’altra sulla sinistra. Quella zona si chiama Grottone. Chiedendo il permesso ai proprietari, si potrà salire attraverso il campo per arrivare dopo qualche minuto in un boschetto dove, su una radura vive una QUERCIA roverella di 600 anni, tronco dalla circonferenza di 6 e altezza 19. Nonostante abbia perso molti rami è ancora molto suggestiva.

 

Alberi monumentali della Basilicata, provincia di Potenza

Exif_JPEG_PICTURE

castagno di Lagonegro

 

A Lagonegro, uscendo dalla cittadina in direzione del cimitero, anziché salire nella sua direzione, continuare diritti. Sulla curva si vedrà un antichissimo CASTAGNO, detto “della critica”. Non solo è svuotato, ma è ormai quasi diviso in due, formando così un suggestivo portale verso il boschetto sottostante. La circonferenza è intorno ai 9 metri.

Prima di arrivare al laghetto di Sirino, appena si entra nel territorio del comune di Nemoli, lungo il lato destro della strada si vedono due magnifiche QUERCE CERRO di cui una ha la circonferenza del tronco di almeno 4 metri. Quella zona è chiamata “passo dei cerri” proprio perché ricchissima di questi alberi dalle foglie lobate più strette ed incise di quelle delle altre querce, oltre che dalle ghiande col cappuccio ricciuto.

A Lauria Superiore, in piazza dell’olmo c’è un grandissimo PIOPPO NERO della possibile età di 150 anni. Il tronco ha una circonferenza di oltre 6 metri e l’altezza è di circa 35. I pioppi crescono molto in fretta e per questo diventano giganteschi in poco tempo. Sono fra gli alberi più grandi che abbiamo in Italia, insieme ai platani ed ai faggi. Crescono dove c’è abbondanza d’acqua e possono vivere fino a 300 anni.

Andando verso Castelluccio da Lauria, poco prima di arrivare ad un’area chiamata Pino Loricato, lungo la strada si vede un bel CASTAGNO dalla circonferenza del tronco di circa 4 m ed una possibile età di 200 anni. La forma è quasi del tutto integra