Exif_JPEG_PICTURE

 

E’ noto da tempo che le piante sono molto sensibili, capaci di percepire ciò che avviene intorno a loro e di rispondervi efficacemente. Il dottor Stefano Mancuso del Centro di Neurobiologia Vegetale di Sesto Fiorentino lo ha ampiamente documentato con libri e video, nei quali spiega che le piante hanno funzioni estese in tutto il corpo, anziché concentrate in organi specifici come avviene negli animali e negli umani. Non potendo spostarsi per sottrarsi ai pericoli o alimentarsi, si sono sviluppate fin dall’inizio con possibilità adeguate, come il rigenerarsi di rami, foglie e radici tagliate che hanno capacità fondamentali e multiple. In particolare, le hanno i sottilissimi e innumerevoli apici delle radici, con funzioni simili a quelle dei nostri neuroni.

Le piante, contrariamente agli animali e agli umani, invece di nutrirsi di altri esseri viventi, trasformano l’aria in cibo, elaborandola nelle foglie con l’aggiunta dell’acqua e dei minerali portati dalle radici. Loro, però, vengono continuamente mangiate direttamente e indirettamente, perché gli animali di cui molti si alimentano, si sono cibati di piante o di chi se ne è nutrito.

Chi vuole evitare di far soffrire gli altri esseri viventi, oltre ad evitare di mangiare animali, come si deve regolare con i vegetali?

 

Exif_JPEG_PICTURE

 

Le piante si sono co-evolute con molti animali e quindi hanno messo in conto che una parte del loro fogliame venga mangiato. Se questo avviene con moderazione, dunque, è possibile che non ci sia dolore e presto nuove foglie sostituiscono quelle mancanti. Solo se la perdita diventa importante e mette in pericolo la vita della pianta, questa si difende producendo sostanze che la rendono indigesta e che, col loro odore, avvertono anche le vicine di fare altrettanto.

Ciò che certamente viene prodotto dalla pianta per essere mangiato, però, è il frutto, che contiene i semi da disperdere nell’ambiente, per poter dar origine a una nuova pianta. Questo lo fanno gli animali, che con le feci lasciano i semi inghiottiti con la polpa, su terreni dove hanno possibilità di germogliare. Noi umani di solito non facciamo così, ma recuperiamo una parte dei semi per piantarli nei nostri giardini o nei frutteti.

Dunque mangiare la frutta dolce come le mele, quella dell’orto come i pomodori, i semi dei cereali o quelli chiamati “frutta secca” come le noci, lo può fare con tranquillità anche la persona più sensibile.