Frutti di legno, belli come fiori (seconda puntata)

Exif_JPEG_PICTURE

parte superiore del frutto di cedro deodara che ha già rilasciato i semi

 

In certi autunni, sotto le chiome dei cedri del Libano, dei deodara o dell’Atlante, si trovano quelle che sembrano camelie o rose di legno. Sono le parti superiori dei loro frutti (coni), che si sono spezzate e sono cadute, mentre il resto è rimasto sui rami sfaldandosi. Lasciano cadere solo le scaglie e volar via i piccoli semi alati, che erano stati custoditi in ciascuno strato. Le conifere, che pure sono alberi generalmente molto grandi, hanno semi minuscoli.

 

Exif_JPEG_PICTURE

frutti della Tsuga canadiensis

 

La tsuga di origine canadese, con una chioma leggera e sempreverde fino all’autunno, quando i rami più esposti alla luce prendono un colore rugginoso, la troviamo in certi parchi storici ornata di minuscole pigne lunghe due o tre centimetri. Come le altre conifere, quando ha i semi maturi allarga le scaglie col bel tempo, per lasciar volar via i semi. Con l’umidità le richiude per proteggerli.

 

 

Exif_JPEG_PICTURE

frutti del Cipresso di Lawson

 

I cipressi di Lawson sono spesso molto belli, con una sagoma conica sempreverde e i grandi rami che dalla base del tronco si allargano per poi alzarsi formando un cono. Ornano i parchi storici e hanno frutti minuscoli, piccole sfere di meno di un centimetro di diametro, che aprendosi sembrano roselline.

 

Exif_JPEG_PICTURE

frutti di nocciolo turco

 

Il Corylus colurna, nocciolo di origine turca, è relativamente difficile da trovare nei parchi ma i suoi frutti sono davvero di grande effetto, coi tentacoli lunghi, rigidi e graffianti.

 

Exif_JPEG_PICTURE

frutti dell’ontano

 

L’ontano, che cresce vicino ai fiumi o comunque dove abbonda l’acqua, è l’unico albero deciduo (che perde le foglie in autunno) ad avere per frutti delle pigne, che comunque sono minuscole, lunghe al massimo due centimetri, su ramoscelli fragilissimi.

 

Exif_JPEG_PICTURE

frutti di eucalipto

 

Anche il sempreverde eucalipto cresce dove c’è molta acqua nelle nostre regioni più calde e i suoi frutti sembrano sonaglini.

 

Exif_JPEG_PICTURE

frutti di quercia rossa

 

L’americana quercia rossa che in autunno dà spettacolo col suo fogliame colorato, ha per frutti delle grandi ghiande molto belle.

 

Exif_JPEG_PICTURE

frutti alati di tiglio

 

I tigli, dopo l’abbondante e profumata fioritura di maggio, portano ben presto minuscole sferette appese in gruppo ad un’ala che le fa volar via a volte già a giugno, ma altre volte solo a fine inverno.

 

Un precendente articolo sui bei frutti legnosi degli alberi lo trovate qui.

Uno sui frutti che sembrano di carta lo trovate qui.

 I link a tutti gli articoli pubblicati finora li trovate qui

 

 

Bookmark the permalink.