I giardini storici di Varese

 

Exif_JPEG_PICTURE

dacia ungherese di villa Baragiola

 

Varese è chiamata a ragione Città Giardino. Di giardini ce ne sono dappertutto, dal centro storico alla periferia, moderni o appartenuti in passato a facoltose famiglie e approdati nella gestione del Comune della Provincia o delle Associazioni, insieme alle ville attorno a cui erano stati creati. I più belli e celebri sono ben dieci, partendo da quelli maggiormente scenografici e sontuosi in pieno centro, annessi al Municipio: I Giardini Estensi e di Villa Mirabello. A ragionevole distanza c’è il giardino di Villa Recalcati, sede della Provincia e quello di villa Augusta, sede dell’ASPEM (igiene ambientale), quello di villa Panza, museo di arte contemporanea gestita dal FAI, quello delle ville Ponti, sede congressuale. Spostandosi verso Ovest in direzione di Gavirate c’è il più grande, quello di villa Mylius, poi il parco Mantegazza sotto il castello di Masnago e quello di villa Baragiola, sede del Museo tattile e di uffici comunali. Più a nord c’è invece il giardino di villa Toeplitz, sede del museo Castiglioni.

Il più elegante e scenografico è quello dei sette-ottocenteschi Giardini Estensi e Villa Mirabello, con lunghe, serpeggianti e rampicanti gallerie di carpini piantati nel settecento e guidati affinché i rami e i tanti ramoscelli secondari si intrecciassero fino a formare un riparo dal sole estivo e dagli sguardi altrui. E poi parterre, scalinate, stagni, sentieri fra alberi bellissimi di cui molti monumentali.

Il parco di villa Mylius è il più grande e vario, con molti alberi monumentali, tra cui una quinta di platani che in inverno, coi tronchi chiarissimi, è di effetto.

Exif_JPEG_PICTURE

faggio di villa Mylius

 

Quello di villa Baragiola ha fra i suoi alberi una sequoia gigante armoniosa e di dimensioni notevoli, oltre ad una Tsuga canadiensis, difficile da trovare altrove. Sorprendente è una dacia ungherese ottocentesca nel punto più alto del parco, tutta costruita in legno. L’ingresso al parco ha i limiti di orario imposti dal Museo Tattile con sede nell’edificio principale a livello della strada.

Il parco di villa Augusta ospita una sughera elegante e notevolmente inclinata. Dato che è un albero da climi più caldi e asciutti, in Lombardia è relativamente rara e meno attraente di questa. Qui ci sono anche due cedri enormi e ammirevoli: uno del Libano e uno dell’Himalaya. Giovani ma rare altrove sono due Parrotia persica.

 

Exif_JPEG_PICTURE

sughera di villa Augusta

 

Nel parco del Castello di Masnago è di particolare originalità un albero dei fazzoletti da vedere fiorito ad Aprile, che ha per frutti delle belle noci durissime scanalate, visibili dopo aver tolto il mallo.

Il parco di villa Toeplitz è molto scenografico nella sua parte centrale e ha vari begli alberi. In un piccolo padiglione ospita il museo etnografico Castiglioni.

Villa Panza, sede del museo di arte contemporanea, nel suo parco ha una galleria di carpini sicuramente bella ma diritta e ben più corta rispetto a quelle dei giardini estensi. Ha un corbezzolo e una magnolia sempreverde monumentali. Ingresso a pagamento.

Le dirimpettaie ville Ponti, sedi di congressi, hanno in comune un grande, suggestivo parco aperto al pubblico tutti i giorni, salvo congressi esclusivi.

Villa Recalcati, sede della provincia, ha un giardino settecentesco con galleria di carpini e forme in topiaria. Meglio telefonare prima per accertarsi che sia aperto.

Per trovare i link a tutti gli articoli pubblicati finora nella categoria PIANTE, cliccare qui

PER SEGUIRE IL PERCORSO DEI CERCATORI D’ALBERI CHE NEI SECOLI SCORSI HANNO INCONTRATO PER LA PRIMA VOLTA QUESTE PIANTE IN AMERICA E IN ASIA, INTRODUCENDOLE POI IN EUROPA, PRENOTATEVI PER UNA VISITA A QUESTI GIARDINI CON ME, CHIAMANDO IL 329 3787557. TROVERETE ALTRI SUGGERIMENTI DI VISITE QUI

 

 

 

Bookmark the permalink.