julieta

 

Film di Pedro Almodovar del 2016. Una professoressa di greco ripercorre attraverso la scrittura, i momenti della propria vita dal momento in cui, un trentennio prima, aveva concepito la figlia Antia, che da dodici anni ha fatto perdere le proprie tracce. A rendere negative quelle che sarebbero potute essere vite felici, sono due tragedie in cui madre e figlia hanno avuto una parte marginale, ma che sentono come una colpa. Il peso di una tale sensazione è tale da impedire ad entrambe di parlarne, prima di tutto con le persone che amano, finendo con l’escluderle totalmente dalla propria vita. Al contrario del senso di responsabilità che fa elaborare e risanare le conseguenze degli errori, il senso di colpa opprime, distrugge e spande nuovo dolore intorno a sé, colpendo chi meno se lo merita. Nel film, solo quando le circostanze portano ad un primo chiarimento e a sperimentare la profondità della sofferenza inflitta ad altri, si aprono gli spiragli per una direzione più giusta da dare alla vita.

 

Per molte altre recensioni di film che aiutano a comprendere l’animo umano, cliccare qui