Blog

alberi monumentali della Sardegna, provincia di Sassari

by in Alberi Monumentali, Sardegna
Exif_JPEG_PICTURE

sughera di Pattada

 

 

 

 

 

 

 

 

Nella periferia Ovest di Sassari si trova la chiesa di San Pietro in Silki e la casa di riposo per anziani che era un convento benedettino e possiede un terreno col proprio orto dove si coltivano anche olivi, aranci e meli. Lì si trovano due MIRTI plurisecolari, alti circa 3 metri, dato che, essendo arbusti, il raggiungere la dimensione di alberelli è un evento eccezionale. Questi sempreverdi a primavera si ornano di eterei e profumati fiori bianchi che, grazie all’impollinazione da parte delle api, si trasformano in bacche blu scuro, mature a Novembre. Nel Sud-Ovest della regione crescono in quantità sufficiente alla produzione di un ottimo liquore.

Appena usciti da Ozieri in direzione Sud, sulla ss 128bis, all’incirca al km 59 si vede, sulla sinistra, un grande PINO DOMESTICO dal tronco cavo con una circonferenza di circa 4 metri ed un’altezza di 25. Questo genere di pini non è molto frequente in Sardegna. E’ stato comunque diffuso in Italia anche per i suoi semi, i pinoli o pinocchi, che maturano in 3 anni nelle grosse pigne.

Lungo la stessa statale, esattamente al km 42, fra Pattada e Bono, si trova sul ciglio destro della strada una QUERCIA SUGHERA col tronco dalla circonferenza di circa 3 metri ed un’età presumibile di 150 anni. Il tronco è corto e dunque il sughero prelevato è poco. Sui rami si vede quello originario, detto “maschio”, molto bello ma commercialmente poco utile. Ogni 10 anni circa la pianta forma nuovamente la corteccia che, però, ha perso la bellezza originaria. In compenso è sfruttabile per infiniti usi umani. E’ il sughero “femmina”.

La roverella considerata la più vecchia d’Europa si trova a Illorai (SS ), in località Melabrìna. Il tronco , alla base, misura 1150 cm e l’altezza è di 29 metri. Si ritiene abbia  circa 900 anni. La Regione Sardegna l’ha inserita tra i monumenti naturali con un decreto del 2015. Si trova ad 850 m. di altezza s.l.m e fa parte di un sentiero, detto dei grandi alberi. Qui sotto la foto fatta da Mario Cossu.

 

rovi-2