I miei articoli

Materiale, immateriale, bene comune

by 4 dicembre 2019

 

Ciò che è materiale e si può vedere, magari pesare e misurare, può essere valutato, gli si può attribuire un valore e un prezzo, anche se a volte può essere difficile. Ci sono possibilità di capire se funziona o meno, se è di buona qualità e a che cosa serve. Tutto diventa più difficile quando si ha a che fare con un bene immateriale, come le idee, la cultura, i talenti, l’educazione. Per attribuire un valore ai beni immateriali occorre un tipo di capacità molto più rara rispetto all’altra, perché richiede il saper vedere oltre l’apparenza e le abitudini mentali. Per sviluppare una simile dote bisogna dedicare tempo ed energia a ciò che riguarda il mondo interiore, sfuggente e multiforme. Ecco uno dei motivi per cui ciò che i sensi mancano di cogliere è spesso trascurato e sottovalutato, fino ad essere considerato irrilevante. Accade come nella favola della volpe che non riesce a raggiungere l’uva e per questo la denigra.

Tutto ciò che è vita è fatto di opposti complementari, indispensabili l’uno all’altro in una dinamica continua. Anche il lavoro più umile e fisico, come può essere quello di uno spaccapietre richiede attenzione, abilità, volontà, che sono aspetti immateriali. A maggior ragione sono necessarie qualità immateriali per attività più complesse, come allevare i figli, svolgere un’attività soddisfacente, far crescere una società equa, mantenere la democrazia, rispettare l’ambiente. In teoria molti possono essere d’accordo, ma in pratica ben pochi affinano a sufficienza gli aspetti interiori della loro vita e neppure riconoscono adeguatamente il valore di coloro che vi si dedicano. Ne risulta per questo uno squilibrio a danno di tutti.

 

Un esempio di bene immateriale dai molti effetti materiali è il bene comune, vale a dire il rispetto e il benessere che coinvolgono la società, le nazioni, il pianeta e l’intero universo, a cui ciascuno dovrebbe contribuire perché riguarda ogni individuo, in sovrappiù a quanto gli compete in senso stretto. Vivere fra gente educata, in una città ben gestita e via di questo passo, va a vantaggio delle persone di ogni ceto sociale e condizione, così come il contrario nuoce a tutti, anche ai più abbienti che probabilmente vi si possono sottrarre da un punto di vista materiale, ma a danno di quello morale.

Tutti vorrebbero veder rispettare i propri diritti, vivere in un ambiente sano, avere prospettive per il futuro, ma quanti si danno da fare in questo senso, anche a dispetto di un trattamento del tutto inadeguato da parte della comunità o comunque da parte di altre persone? Essere corretti e gentili con chi lo è verso di noi è relativamente facile. Molto più difficile è continuare ad esserlo quando manca la reciprocità. Ma è proprio in questo punto che sta il nocciolo. Chi vuole che gli altri, la società, il mondo migliorino, necessariamente occorre che migliori prima se stesso, ovvero riesca a superare i limiti che gli impediscono di resistere alle provocazioni, continuando ad essere propositivo. E’ molto difficile e non si può farlo per obbligo. La strada per arrivarci è il sentirsi parte del bene comune, il saper accettare i propri limiti, il riconoscere i propri errori e appunto per questo continuare a credere in se stessi come esseri che contribuiscono positivamente alla propria e all’altrui vita, anziché rifarsi delle proprie frustrazioni facendole pagare con mancanze verso gli altri.

Siccome però gli stimoli che ci vengono dalla società sono spesso negativi o comunque poveri, li si possono vedere meglio assortiti nelle altre forme di vita, che ci aiutano a conoscere meglio la nostra. Sapere almeno a grandi linee come funziona la natura è sorprendente ed entusiasmante.

 

 

Man mano che ci si avvicina e se ne vedono le connessioni, ci si sente sempre più parte di una comunità in cui ciascuno ha delle possibilità ben più numerose rispetto a quella che sembra esistano in quella umana, quando se ne ignorano le risorse. Troppo sollecitati sul piano materiale e delegando quello spirituale solo alla religione, il quadro appare fosco. Quando invece si conosce ciò che è altro da noi, accade che mentre prima si percepivano solo delle forme generiche, man mano emergono dettagli e colori, come se la “vista” intesa in senso lato, diventasse molto più sensibile. Si finisce inevitabilmente con l’amare un simile ambiente e col percepirlo come parte di sé nel senso migliore, vale a dire che si desidera il suo bene quanto il proprio. Ecco un buon modo per sviluppare il desiderio del bene comune. Questo non significa che si risolvano le proprie contraddizioni, ma solo che insieme alle inevitabili sofferenze ci sia un consistente benessere interiore che le controbilancia.

L’aspetto immateriale è ciò che dà il profumo, l’anima all’aspetto materiale e chi vi si dedica dovrebbe essere adeguatamente ricompensato dalla comunità che ne beneficia, ma che fatica a riconoscerlo.

Canapa, una storia incredibile

by 26 novembre 2019

 

Il libro è stato scritto nel 2019 dal giornalista Matteo Gracis che ha difeso la verità sulla straordinaria ingiustizia sferrata fin dall’inizio degli anni trenta dello scorso secolo, verso una delle piante più utili. Fondatore e direttore della rivista Dolce Vita, che tratta argomenti delicati e per questo poco seguiti da altri editori, in queste pagine Matteo Gracis ripercorre prima di tutto i fatti che hanno distrutto un’economia florida e versatile, privato di medicinali particolarmente benefici tanti malati e perseguitato milioni di persone. Sono vicende note ormai da molti anni ma poco diffuse a causa dell’ottusità di molti e dell’egoismo di altri, che approfittando della calunnia accettata come verità da chi era disinformato, hanno perseguito il proprio interesse a scapito dell’intera umanità. Nel libro vengono ovviamente descritte le tante qualità pratiche di questa pianta che fino a cent’anni fa era fra le più coltivate nel mondo e vengono illustrate le virtù terapeutiche che finalmente hanno cominciato ad essere riconosciute anche dai proibizionisti e hanno portato alla liberalizzazione dell’uso medicinale. Per ora è solo l’inizio di un cammino che si spera rilanci una pianta tanto utile anche come materia prima per gli innumerevoli usi che, sentiti come pericolosa concorrenza da parte dei petrolieri americani, era stata diffamata prendendo come pretesto le qualità dei suoi fiori trasformati in marijuana o hashish. Il libro fa capire quanto la calunnia diffusa da persone ricche e potenti possa infettare il mondo intero, contando sulla disinformazione e diseducazione che è purtroppo è ancora una grande piaga.

 

Piazze d’acqua e fanghi utili

by 21 novembre 2019

 

piazza Benthemplein a Rotterdam

 

La necessità di far fronte sempre più spesso ai problemi di alluvioni e siccità, ha spinto verso soluzioni ispirate al pensiero orientale per il quale, invece di impiegare la propria forza contro il nemico, si devia la sua contro lui stesso.

Le celebri dighe degli olandesi per sottrarre spazio al mare sono frutto della mentalità “muscolare” e dunque hanno un impatto ambientale molto forte. Ecco perché si sono realizzate nel centro della città portuale di Rotterdam, delle piazze per accogliere l’acqua durante i grandi acquazzoni, facendola defluire lentamente verso delle cisterne dove possa essere utilizzata nei periodi secchi, per irrigazioni o lavaggi. Durante un giorno, però, le piazze si trasformano in vasche basse dove bambini e adulti possono divertirsi a sguazzare. Si scongiura così l’intasamento delle fogne durante i temporali e si evita di usare acqua potabile dove basta quella piovana.

 

piazza Benthemplein vista dall’alto con le vasche pavimentate in azzurro – foto da cittàclima

 

Un’alternativa alle dighe, fatta con lo stesso spirito è stata progettata per gli olandesi da due italiani, che l’hanno chiamato Eco shape. Dopo aver accuratamente studiato i movimenti delle onde e dei venti, oltre a tutti gli altri fattori che agiscono lungo le coste, invece di costruire nuove barriere con cemento e acciaio fanno lavorare la natura, fornendole il materiale per rimpinguare i litorali: il fango dragato dai porti. Scaricandolo nei punti più adatti, lasciano che il mare lo distribuisca lungo le coste, che vengono così ampliate in modo naturale

Quando l’autostima è bassa

by 14 novembre 2019

gigantesca statua dell’Appennino nel parco di villa Demidoff a Pratolino (FI)

 

I sentimenti negativi o il disagio ingiustificati che si provano nei confronti di certe persone, spesso sono dovuti al senso di inadeguatezza nei loro confronti, che portano a sminuire, tiranneggiare, mortificare gli altri nel vano tentativo di sentirsi rialzati di grado e di rifarsi della propria insoddisfazione.

Servirebbe invece sviluppare una più alta stima di se stessi, per scongiurare un risentimento che oscura la vita. Anche le ingiustizie che si commettono verso altri generano un senso di colpa di cui si può non essere coscienti, ma che esiste e agisce generando rancore ed erigendo muri, invece di pentimento e riparazione del danno. Per riuscire a trattare con umanità gli altri e se stessi occorre fare un percorso interiore, capire cosa impedisce l’intesa, parlarne. E’ necessario formarsi un punto di vista diverso da quello autoritario tuttora dominante in tutti gli strati sociali. Passare dal concetto di colpa a quello di responsabilità, dall’imposizione alla proposizione, dalla supremazia all’equità, dalla punizione alla riabilitazione, grazie a cui si alleggerisce la gravosità dell’impegno e si aprono nuove possibilità. Lo si può fare orientando le proprie letture, i film, le attività del tempo libero verso ciò che va in questa direzione, se non si ha la persona giusta che aiuti. Gradualmente si sposterà la propria posizione e verranno più facilmente i comportamenti e le parole adatte a provocare un cambiamento positivo. Un punto di vista diverso dà risultati sorprendenti come si può verificare facilmente quando un bambino dimostra capacità che mancano a persone intelligenti ma adulte e dunque meno fantasiose. E per riuscire a spostare il punto di vista di chi infligge i torti, occorre che a raggiungere questo traguardo sia per primo chi li subisce.

 

pittura murale a Lecco con intervento della natura

 

Come esperimento pratico per placare la tirannia dei famigliari o di altre persone con cui si ha a che fare quotidianamente -che agiscono così perché a loro volta cercano di compensare le proprie frustrazioni- si può provare con l’alternanza equa. Si tratta di realizzare la piena soddisfazione di una parte dei desideri altrui, mettendo come condizione di alternarla immancabilmente a un’altrettanta piena soddisfazione dei propri. Così, invece di diluire e far dilagare senza limiti le esigenze di due parti contemporaneamente, che in alcuni casi è come voler passare nello stesso momento da una porta stretta, ciascuno avrà ciò che desidera in tempi e luoghi delimitati ma certi. La sensazione di avere per intero una volta su due ciò che si desidera è molto più gratificante rispetto allo sperare ogni volta solo nelle briciole ottenute con il contrasto. Ovviamente è necessario attuare la propria parte con convinzione, senza farlo pesare in alcun modo, essendo però fermi nel far valere i patti stabiliti. L’autonomia e il senso di responsabilità ne saranno avvantaggiati e, di conseguenza, si innalzerà l’autostima che a sua volta innescherà il desiderio di continuare in quella direzione.

Anche se autonomia significa sapersela cavare da soli, si ha sempre bisogno del contributo e del sostegno altrui. Si può dire autonomo chi si prende le proprie responsabilità e si dà da fare per riuscire, ma l’affetto, il rispetto e il sostegno morale che riceve sono fondamentali per raggiungere il buon fine. Se sono fatti in modo paternalistico, però, possono provocare l’effetto contrario a quello desiderato.

Parole che curano

by 6 novembre 2019

Angelica silvestre impollinata da varie Zigaena filipendula e sirfidi

 

Perché migliorarsi interiormente, diventando più consapevoli, più comprensivi, più lungimiranti? Una delle risposte è: perché si rendono la propria vita e il mondo un po’ migliori, aumentando almeno di un’unità l’ambiente sociale in cui tutti possiamo vivere meglio, con il contributo di ciascuno.

Le qualità che portano ad un cambiamento positivo si formano attraverso tanti dettagli tra cui una parte importante l’hanno le parole. Cercare e trovare le parole giuste per esprimere le proprie idee, sentimenti e desideri, influisce sul modo di vedere le cose ed è un’impresa impegnativa e appassionante, una vera conquista, perché le parole possono essere strade lungo le quali si arriva al cuore delle questioni e delle persone. Dalla nostra bocca escono spesso in modo affrettato e dunque acerbe, rischiando di essere indigeste per chi le ascolta e provocare danni. Quelle più brutte vengono dalla paura, dal risentimento, dalla frustrazione accumulate nel tempo e mai affrontate, che escono al minimo pretesto, verso destinatari spesso incolpevoli, ma che fanno ricordare un dolore a cui non è stata data un’identità.

 

 

Lo sforzo di cercare le parole per dare il nome giusto a ciò che sentiamo e desideriamo per noi e per gli altri crea un’attitudine mentale che tende verso una più alta qualità, a condizione di farlo con sincerità e vero desiderio di trasmettere qualcosa che sia più vicino possibile al proprio bene e contemporaneamente a quello dell’interlocutore. Dunque occorre ascoltare ciò che abbiamo nell’animo quanto ciò che la persona a cui ci rivolgiamo ha da dire, fare di tutto per capirlo, anche se mente, esagera, travisa i fatti e i suoi stessi sentimenti, proprio perché gli manca la dimestichezza con il sé più profondo.

E’ difficile trovare qualcuno che ci aiuti in tutto questo, dunque leggere è un sostegno indispensabile e nonostante sia difficile trovare i libri giusti, lo è meno rispetto a trovare le persone giuste. Le occasioni di incontri e di prove con la lettura sono molto più numerose!

Scrivere è altrettanto importante. Scrivere per se stessi tutto ciò che passa per la mente, senza censure, per liberarsi. Poi leggere quanto è stato scritto per conoscersi, per riflettere. Leggere a distanza di ore, di giorni, di mesi e magari anche di anni per illuminare ciò che ha bisogno di trovare il suo posto, per poter agire correttamente anziché a sproposito. Se si è sinceri, spesso ciò che sembra perfetto ad una lettura, appare discutibile ad una seconda e lo si cambia. Ma la terza volta ancora, spesso non va bene e a volte neppure alla quarta. Gradualmente tutto comincia a prendere una forma che si avvicina a ciò che andava espresso.

Attraverso questo esercizio possiamo arrivare a cambiare il nostro modo di guardare alle cose, dunque di valutarle e, come conseguenza, ad agire diversamente, parlando o scrivendo alle persone con cui è difficile avere a che fare, in modo da evitare di offenderle e di chiudere così gli spiragli di accesso al loro animo. Spesso, quando si vuole parlare a qualcuno che ci ha feriti, cerchiamo di ferirlo a nostra volta, anche senza rendercene conto. A questo punto, però, è bene ripensare a quanto l’altra persona ha fatto, detto o scritto, avendo cura di non stravolgerne il significato, cosa che succede troppo spesso. Saper leggere tra le righe è ben diverso dal proiettare i propri disordini.

Spesso, semplicemente le persone tralasciano tutto questo perché è troppo impegnativo, ma quando una simile omissione diventa abitudine, impoverisce e blocca le possibilità di miglioramento proprie e altrui. La vita è difficile per tutti e proprio per questo è bene essere solidali, anche usando le parole che curano. Si vive meglio in un ambiente in cui tutti vivono meglio!

 

Animali che rappresentano nazioni

by 31 ottobre 2019

coccinella – foto da informazione ambiente

 

In Italia è il lupo grigio appenninico a rappresentarci perché fa parte della leggenda riguardo alla fondazione di Roma, dato che i gemelli Romolo e Remo, abbandonati come figli della colpa della vestale Rea Silvia, erano stati adottati e nutriti da una lupa. Spesso le femmine di animali domestici e selvatici adottano orfani di altre specie, anche se di predatori e di prede. Tutt’oggi, in Paesi esotici ci sono donne che allattano cuccioli di animali.

La Danimarca ha come rappresentante il cigno reale, non solo perché sono in molti a vivere lì, ma anche grazie alla fiaba del brutto anatroccolo scritta da Hans Christian Andersen. La storia del giovane cigno capitato in una famiglia di anatre è talmente popolare che nel 1984 grazie ad un sondaggio radiotelevisivo questo bell’uccello è stato scelto come simbolo animale della nazione.

La Francia è rappresentata dal gallo perché i guerrieri celti due millenni fa portavano sull’elmo ali di gallo che simboleggiavano la loro forza. Del resto è noto che i galli sono protagonisti temibili di combattimenti. Ecco perché gli antichi romani chiamavano Gallia le loro terre e galli gli abitanti.

 

merlo acquaiolo – foto da Wikipedia

La Grecia è simboleggiata dal delfino, sia per il mare che la circonda e che è popolato di delfini, che per la città di Delfi, universalmente nota per il suo oracolo di Apollo, dio del sole, arrivato in Grecia sotto forma del mammifero marino. Inoltre il fondatore della città si chiamava Delfo, figlio del dio Poseidone e di Melanto. E ancora, i pirati che avevano tramato contro il dio Dioniso, costretti a tuffarsi in mare erano stati trasformati in delfini.

La Spagna ha invece come animale rappresentativo il toro, di cui alleva una razza locale, più piccola di altre europee ma snella e combattiva, che è ancora protagonista della corrida. La tauromachia nell’antichità si praticava anche in area mediterranea ma ha avuto un particolare risveglio in Spagna nel quattordicesimo secolo, quando i nobili davano sfoggio della loro abilità sfidando i tori.

La Norvegia ha come simbolo animale il merlo acquaiolo, che vive solo dove ci sono corsi d’acqua limpidi, di cui la nazione è ricca.

La Lettonia ha l’animale nazionale più piccolo: la coccinella, simbolo di buona fortuna e di protezione della natura, dato che si nutre di afidi e altri parassiti delle piante.