harold e maude

 

Il film del 1971 di Hal Ashby è una commedia divertente e profonda che accoppia la giovinezza e la vecchiaia in un modo inaspettato. Un ragazzo ricco cerca di sfuggire all’oppressione di una famiglia a cui si sente del tutto estraneo, con messe in scena spettacolari che non riescono a infrangerne il muro. Una quasi ottantenne spiritosa e indifferente ai tabù che gravano sulla vecchiaia, è però consapevole dell’usura a cui va inevitabilmente incontro il corpo. I due si incontrano durante un funerale, fanno amicizia e infine si innamorano. Il pericolo di cadere nel cattivo gusto è superato brillantemente dal regista allora trentanovenne (1932-1988) e anticonformista. E’ un film che certo aiuta a sdrammatizzare, ad alleggerire i pregiudizi sulla vecchiaia, ad intravvedere una via di uscita alle terribili trappole degli schemi mentali.