Blog

Aria condizionata naturale (VI), (SO), (PA)

by in Italia inconsueta, Soluzioni naturali

 

crotti di Chiavenna (SO)

crotti di Chiavenna (SO)

 

Poco a Sud di Vicenza, in una calda giornata estiva, si può approfittare dell’occasione per visitare il paesino tutto ville antiche e giardini, Costozza, al riparo di una falesia dei monti Berici, piena di grotte: i COVOLI. Il pranzo lo si potrà gustare in un bel ristorante, celebre per il suo sistema d’aria condizionata naturale, che condivide con le ville vicine. E’ la Taverna di Eolo, nei locali che facevano parte della residenza più importante di cui è rimasta una sala affrescata qualche secolo fa, quando già era in uso l’ingegnoso sistema, ancora attuale. Infatti, le cantine sotto il centro storico sono cunicoli e piccole stanze che tutto l’anno mantengono la temperatura abituale sotto terra: in genere dai 10 ai 18 gradi centigradi, qui intorno ai 10. D’estate, basta aprire le porte e le prese d’aria dei covoli per avere un delizioso refrigerio a costo nullo per l’ambiente e per i proprietari.

In Lombardia, a Chiavenna, ci sono i CROTTI, locali costruiti a ridosso di enormi massi, franati dalle montagne in epoche lontane, tra i cui interstizi filtra tutto l’anno l’aria a dieci gradi di temperatura. Questo consente, oltre ad una gradevole frescura estiva e tepore invernale, di conservare i cibi a lungo.

Un metodo analogo, ma con l’aggiunta dell’acqua è quello siciliano per la STANZA DELLO SCIROCCO. E’ un sistema imparato dagli arabi per sfuggire al calore torrido dell’estate, aggravato dallo scirocco. In questo caso, una stanza scavata nel tufo, con delle prese d’aria e la circolazione d’acqua in piccoli canaletti, oltre ad essere fresca per la sua posizione sotterranea, era aiutata dallo scorrere dell’acqua  e dalla sua evaporazione. Qui le persone si riunivano, mettendo come chiusura dell’ingresso una tenda bagnata per accrescere il raffreddamento, sempre a causa dell’evaporazione che sottrae calore. Nella villa Naselli Agliata a Villagrazia, appena fuori Palermo, se ne può vedere una. E’ visitabile su appuntamento quella della villa Micciulla ad Altarello di Baida, quartiere di Palermo a monte del viale regione Sicilia. Telefonare 368 3219292 o 091 223961 annasilvanadimarco@virgilio.it. Si avrà l’occasione di vedere al tempo stesso il qanat dell’Uscibene, il sistema di canaletti sotterranei costruiti dagli arabi con leggerissima pendenza in modo da portare ovunque in città l’acqua delle falde sotterranee.

Dove manca la possibilità di scavare, si può cercare un’altra soluzione verso l’alto, con le TORRI DEL VENTO. Infatti, con una torre o un camino situati strategicamente in una casa si cattura parte delle correnti d’aria per farle scendere verso le stanze, raffrescarle maggiormente attraverso la presenza d’acqua. Dato che l’aria fredda tende verso il basso, il suo arrivo fa risalire l’aria calda verso aperture in alto. Questo è un altro metodo dei paesi nordafricani, così come lo è la MAZIARA, egiziana. Sapendo che la terracotta è porosa e che l’evaporazione dei liquidi sottrae calore alla superficie che lascia, si mette in un punto della casa dove c’è corrente d’aria una grande giara di terracotta piena d’acqua. Il passaggio d’aria farà evaporare tutto il giorno quella che passa attraverso i pori, mantenendo fresca l’acqua e il locale in cui si trova.

Negli edifici contemporanei è possibile riscaldare e raffreddare l’aria, attraverso pozzi da cui risale quella sotterranea, a temperatura costante ma più calda rispetto a quella esterna, in inverno e più fredda in estate. Questa è la GEOTERMIA.

Si può ottenere tutto questo con delle pompe, magari alimentate ad energia solare, per riscaldare e raffreddare anche l’acqua per uso domestico.

L’aria di certe grotte può essere CURATIVA PER I DISTURBI RESPIRATORI, grazie alla sua purezza e freschezza. In Alto Adige, un’antica miniera di rame serve adesso per tali cure, senza farmaci, realizzate attraverso il rilassamento dei polmoni.

 Le antiche tecniche stanno trovando nuove applicazioni nella bio-architettura e la loro adozione permetterà di ridurne sempre più i costi iniziali, aumentando la sostenibilità ambientale e la qualità della vita di tutti.

 

Dal mio libro Acqua, Aria, Terra e Fuoco -energie del mondo